All’indomani dell’assoluzione di Ignazio Marino e a ridosso dell’apertura delle aule del Tribunale a Virginia Raggi, il primo Sindaco della Capitale ancora in carica ad affrontare da imputato un processo penale, Roma Golpe Capitale racconta senza se e senza ma lo scempio ai danni di una città e di un uomo, Ignazio Marino, colpevole unicamente di aver preteso di compiere una rivoluzione completamente da solo, ma avendo contro un sistema articolatissimo di interessi economici e di numerose lobby .
Con il piglio e i tratti più del cinema che del documentario, Francesco Cordio dipinge il quadro deprimente di un’autostrada senza vie d’uscita: in cui la corruzione sembra un male ineluttabile e la sua sconfitta un’utopia lontana e irraggiungibile senza i compromessi della politica e degli accordi trasversali.